Maria Pia NanniniDocente di Lettere Italiane e Latine nel Liceo scientifico “F. Redi”

Laurea in Materie Letterarie, Università degli Studi di Siena, conseguita nel 1979 con la votazione di 110/110 cum laude. Attualmente in servizio al Liceo Scientifico “F. Redi” di Arezzo.

Ha pubblicato: LA CUCINA NELLA VALLE DELL’ARNO; A TAVOLA CON I LATINI; LA CUCINA DAL MONDO; MANUALE DIGITALE DI CIVILTA’ LATINA

È referente del Concorso di narrativa “Ad Essere s’impara” e curatrice dell’attivazione del progetto di Scrittura Digitale nonché dei Concorsi Ministeriali di Scrittura.

Ha collaborato con la casa editrice Loescher per la revisione di un Manuale di Letteratura Italiana “Rosa Fresca Aulentissima e di una Antologia per il Biennio, È libera docente da 17 anni e tuttora in corso con l’Uniel (Università dell’età libera) Fondazione Ficai.

Collabora con l’Università degli studi di Siena per le Certificazioni del Latino e l’organizzazione di Conferenze.

Patrizia FazziDocente di Lettere Italiane e Latine a riposo, poetessa

Laureata in Lettere con 110 e lode  presso l’Università di Firenze, negli anni 1975-78 ha svolto attività di collaborazione didattica e scientifica presso la Cattedra di Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea diretta da Giorgio Luti. Successivamente è stata Docente di Materie Letterarie e Latino negli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore fino al 2007, presso il Liceo Linguistico “Vittoria Colonna” di Arezzo.

Nel novembre 2005 le è stato assegnato per la sua attività letteraria e culturale il Premio “Domina donna” dalla Commissione Pari Opportunità della Provincia di Arezzo. È risultata prima classificata in numerosi premi letterari,  tra cui il Premio “Maestrale – San Marco” 2002 – Marengo d’oro.

Ha pubblicato numerose raccolte di poesia fra cui Ci vestiremo di versi, Dal fondo dei fati (vincitore del “Fiorino d’argento” al “Premio Firenze” 2005 e del 1^ Premio “Tagete” 2006), La conchiglia dell’essere, Poesie per Piero della Francesca (Premio Speciale “A. Contini Bonacossi” Edizione 2007) e Il filo rosso – Segno e simbolo nell’arte di Giampaolo Talani, Poesie e note critiche

Ha pubblicato anche Saggi critici sugli scritti e l’opera pittorica di Ottone Rosai per  Critica letteraria, Nuova Antologia, e Atti dell’Accademia Petrarca di Arezzo.

Nel 2011 ha pubblicato il libro "L'occhio dei Poeti" (Premio Speciale Firenze "Mario Conti" 2012).

Nel 2014 è stata insignita dell'Onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica.

Vito Cozzi LepriRegista teatrale, Dirigente Scolastico a riposo

Dirigente Scolastico a riposo. Laureato in Lettere classiche presso l’Università degli Studi di Perugia. Specializzato  in Filologia e Antichità classiche presso l’Università degli Studi di Firenze.

Nel corso della sua carriera ha maturato esperienze professionali su numerosi campi: Componente del gruppo di lavoro per lo studio di una nuova qualifica professionale di Operatore per i Servizi Sociali, presso il M.P.I. - Direzione Generale dell’Istruzione Professionale, Designato dal MIUR per la partecipazione al Seminario Nazionale di ricerca didattica: “Esperienze di Teatro classico nella Scuola” presso il Liceo Classico di Palazzolo Acreide (SR) - a.s. 2001/02 e 2002/03, ha contribuito alla stesura di un percorso didattico-culturale nelle scuole, collaborando con l'Istituto Nazionale Dramma Antico; Direttore di corsi di aggiornamento per docenti.

E' Protagonista di attività culturali cortonesi e di manifestazioni di carattere religioso e sociale, Regista di commedie, ha diretto studenti e personale della scuola, rappresentando,  presso Teatri locali, della Regione Toscana e Emilia Romagna opere di: J. Pierre Milovanoff (vincitore del prix Goncourt des lycéens), di cui ha realizzato l'adattamento di un'opera, F. Molnar, C. M. Hennequin e P. Veber, A. Campanile, M. Paulicelli, C. Silva, D. Fo, P. G. Wodehouse (riduzione teatrale di un suo romanzo), Aristofane e G. Mosca. Ha ideato spettacoli su testi di poeti greci e latini, da lui tradotti.

Ha diretto, esperienza unica in campo nazionale, i Dirigenti Scolastici della Provincia di Arezzo in una pièce di A. Campanile.

Membro negli anni '80 del Consiglio di Amministrazione della Biblioteca comunale e dell'Accademia Etrusca di Cortona è tra i fondatori del Piccolo Teatro della città di Cortona. Al suo attivo numerose regie su testi, tra gli altri, di: S. Fayad, R. Cooney, N. Coward, M.G. Sauvajon, Dory Cei, Jerome K Jerome, G. Feydeau, W. Shakespeare, C. Goldoni, A. Guadagnoli . Ha vinto premi teatrali e lavorato con attori e registi professionisti.

E' stato tra i fondatori del giornale locale cortonese "Nuovi Incontri" e collaboratore di giornali locali, componente di giuria di concorsi letterari, ha ricoperto cariche istituzionali in ambito tennistico, ottenendo riconoscimenti dal CONI per la promozione educativa e sportiva di giovani allievi.

Ha curato, nell’ambito di progetti scolastici, le seguenti pubblicazioni:

-  Vivere Montepulciano – Itinerari nell’arte, nella cultura e nelle tradizioni di una città millenaria (a.s. 2005/06)
- Memoria e storia della Shoah – insieme ad Auschwitz (a.s. 2006/07), con il contributo di Regione Toscana e Provincia di Arezzo

Sergio Castrucci -Scrittore

Nasce l’ 1/1/1938 a Firenze dove studia e dove dal ‘63 al ‘68 lavora in IBM. Nel 1968 si trasferisce ad Arezzo come responsabile del CED della 1AR.
Dal 1982 prosegue in proprio l’attività di informatico ma dedicandosi sempre più alla scrittura. Pubblica alcuni libri; un paio dei suoi testi teatrali vengono rappresentati e suoi  racconti si trovano su varie riviste e antologie.

Scrive su alcuni periodici (Sapere, il Covile)  e sull’edizione locale de “La Nazione” (oltre 70 articoli).

© 2016 I premi di Etruria Faber Music. All Rights Reserved. www.etruriafabermusic.com

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.