Premio di Poesia

“FRANCESCO PETRARCA”
- Città di Arezzo -

III Edizione 
2018

 

Categoria "Ragazzi"

Secondo Premio

 

Volteggia Leggiadra

Volteggia leggiadra
mossa dal vento
nell'aria, una piuma.

Finisce il suo volo
su grezze macerie
di un vecchio edificio.

Un rudere antico
che sfioraron le mani
che copiarono gli occhi
da piccolo, un giorno.
Troppo tempo è passato

Di quelle strade
è rimasto il ricordo
dei nostri giochi
permane allegria
permangonosuoni
che riecheggiano in aria.

Gioca bambino
corri al tuo giorno
regalagli oggi
innocente sorriso.

Lungo quei prati
sento ancora le voci
suoni diversi
perduti nel tempo.

Rivedo fiorire
il grano di maggio.
E' finito l'inverno
mio amore.

.

Marco Liguori (Capolona - AR)

Premio di Poesia

“FRANCESCO PETRARCA”
- Città di Arezzo -

III Edizione 
2018

 

Categoria "Ragazzi"

Terzo Premio

 

Crescere

[Madre]: E vidi mio figlio camminare di spalle
camminare, adulto, per la sua strada
verso il destino che ogni Uomo attende
attraverso la vita che io stessa
ho plasmato fra le viscere del ventre.

Lasciava le mie braccia chiuse a culla
Fuggiva il mio tenero, tenue abbraccio
Esautorava il mio ultimo grido di madre
Il mio grembo giaceva a terra, svuotato.

E anche io giacevo, col braccio teso
al suo incedere verso il tramonto.

Vita, sia fatta la tua volontà
ma non togliermi il ricordo dei suoi passi
quando gli insegnai a camminare

Andrea Riccardo Albiani (Arezzo)

Premio di Poesia

“FRANCESCO PETRARCA”
- Città di Arezzo -

III Edizione 
2018

 

Categoria "Adulti"

Primo Premio

 

Il mare d'inverno

Stridono gli echi
D'un mattino senza sole
nel dibattersi di vele
sotto la furia del libecco
che travolge
questo accavallamento di onde
senza quiete...

I gabbiani
in eterna fuga
affliggono l'aria
coi turbolenti gridi,
arraspando la sabbia
precipitata
sui ciclici cerchi
della spiaggia,
nel ripetuto giro
di bozze
tra i balzi incompiuti
del vivere...

Per un attimo
il sogno squarcia
questo reale ingessato
e scrive parole
sul foglio bianco,
magica combinazione di suoni
oltre gli attacchi del tempo
e l'Ignoto sgomento...

Sommerge con i flutti
gli scogli del nostro pensiero,
fragile ed effimero soffio di vento
che oscilla sulle sponde de mare...

Maria Enrichetta Giornelli (Cortona - AR)

Premio di Poesia

“FRANCESCO PETRARCA”
- Città di Arezzo -

III Edizione 
2018

 

Categoria "Adulti"

Secondo Premio

 

Rocca

Cammino una Rocca senza tempo
questa mia terra derelitta
custode muta di ricordi oltreoceano perduti.
ripercorro passi di memorie antiche
fantasmi di pastori alla fontana
il vento nelle tempie
poco pane nelle mani.
Ti cerco eppure fuggi
nel vento che passa e consuma.
Così sono, così si: roccia e stelo d'erba
vita perduta conficcata nelle spine del dire.
Viva di verde a solleticare i piedi
eppur lamento che supera rocce e declivi
e s'accuccia muto
nel grigio nebbioso delle valli.
Eppure, ancora, in questo tempo ce resiste
e sfida ogni fine
se lo ascolti
il vento grida senza freni
a indicar la via.
Reclama il sangue fuggito dei figli lontani
in giro per il mondo a portare il tuo nome.
E resiste, nei silenzi di roccia, resiste.
Ma quante volte ti cerco e non so più se sei,
forse un sogno soltanto.
E io piango la perdita di un amore
scrivo di una disfatta
riconoscendo in ogni verde il mio
che più non vedo.

Antonella Sozio (Venafro - Isernia)

 

© 2016 I premi di Etruria Faber Music. All Rights Reserved. www.etruriafabermusic.com

Please publish modules in offcanvas position.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.